25 aprile!
RESISTENZA SIA!
Qualcuno, in questo giorno, dal 2020 al 2022, ha forse festeggiato il 25 Aprile come liberazione da ipocrisie, idiozie, aberrazioni scientifiche, disastri vari???
Io, vedo tutto una gran pena, come ai classici: “corsi e ricorsi della Storia”!
Cosa evidenzia la storia, più di ieri?
Ieri, ovvero durante la prima e seconda guerra mondiale, c’era la scusante che, per la grande Massa, le notizie filtravano in modo lento e molto frammentato. E, la paura delle “Istituzioni” (falsamente dettate da crisi e povertà), faceva il resto!
Ricordate? Il ventennio fascista è passato dal creare benessere, a togliere ogni diritto di libertà… lentamente. E ciò per un motivo semplice: la bolla speculativa, prima o poi, deve scoppiare! Mi riferisco alla inevitabile bolla creata da una emissione a debito del denaro (da parte di Banche Centrali), che poggia sull’istituto innaturale e obsoleto della tassazione.
Infatti, la Natura, non “tassa” mai ciò che è positivo. Gli Esseri Umani, invece, già dai tempi dell’Impero Romano, praticavano “la decima”. Oggi è diventata la “Novantesima”!
E quale è il motivo di questa crescita esponenziale delle tasse? Proprio il suo iniziale principio: quello di tassare tutto ciò che è positivo!
Oggi, però, sollevare la rabbia che giunge al punto limite è davvero quasi impossibile. Perché siamo molto più controllati di prima ed è facile fermare i soliti temerari etici che vanno in piazza. E, quindi, stroncare sul nascere la possibilità di ingigantire la protesta in chi ha troppo da perdere ed ha le paure di sempre.
Noi, dalla nascita della Associazione No Profit del COEMM, abbiamo indicata una VIA totalmente innovativa: quella di un totale cambio di paradigma (economico sociale e finanziario), proprio partendo dall’invertire l’imposizione della tassazione e affiancare ad essa una serie di regole etiche che sappiano portare equilibrio, fra i costi e i benefici dei singoli di una Comunità che si fa Stato:etico e democratico.
La Resistenza, da sempre, usa una serie di mezzi per riuscire a sopravvivere alle atrocità dettate da ignoranze, perfide logiche di arroganza del potere. Ma fino ad oggi non ci è mai riuscita. Proprio perché, l’evidenza della realtà odierna, ci offre esempi pazzeschi!
Dobbiamo puntare alla vera ed etica Resistenza! Quella che non uccide nessuno e che opera eticamente per diffondere il VERBO della libertà, della serenità e della prosperità di ogni singolo Essere Umano.
A dettare i passi della Resistenza, infatti, ci sono sempre state due anime: una positiva e l’altra negativa. Purtroppo, almeno fino ad oggi, quella negativa ha prevalso. Perché ha saputo cavalcare le ignoranze e le paure di quella Massa Popolare che, troppo spesso, resta a guardare fino al momento di poter essere trascinata in piazza ad esultare: per un tempo, osannando i tipi come Hitler o Stalin e, per il tempo successivo, gioire per il loro normale “esplodere” e tifare per il “Barabba” che si appropria del testimone.
Cosa è mai cambiato?
Ad oggi, infatti, non ci vedo proprio nulla di innovativo. Bensì, un solo trascinarsi fino allo scoppio successivo della suddetta bolla speculativa.
Un tempo, “esplodeva” ogni circa 20/30 anni. Dagli anni 2000 esplode ogni 20/30 minuti! Le tecnologie, infatti, accelerano la rapidità di esplosione delle contraddizioni e, quindi, della esplosione della bolla speculativa.
La nuova Resistenza deve, quindi, per forza, farsi “più astuta del serpente in seno”!
La Nuova Resistenza deve agire con etica e con saggezza
La nuova Resistenza deve portare consapevole visione di un Programma Sociale che possa diventare quello del 60% della forza elettorale;!quello di un Paese simbolo e di esempio storico, per tutto il Mondo, quale è solamente la migliore Italia!
L’Italia ha le eccellenze in ogni comparto sociale. Serve unire le migliori eccellenze e creare il Programma Sociale sul quale la maggioranza degli Elettori può e deve riconoscersi. Un programma che non sia fatto solo di slogan, ma bensì di contenuti innovativi ed etici!
Un Programma Sociale che porti, nel suo DNA, la teoria e la pratica del cambiamento del suddetto paradigma.
È possibile cambiare?
È possibile creare i presupposti di un Paradiso in Terra, a partire dalla migliore Italia?
Io dico di sì! Basta fare così:
1. Un semplice passa parola del Programma Mondo Migliore (PMM)
2. Iscriversi nella piattaforma dbclemm.it (è gratis, senza alcun rischio e si può anche appartenere ad altri soggetti associativi).
3. Trovarsi, una volta al mese, in particolari Salotti Solidali CLEMM (Comitati Locali Etici Mondo Migliore) per studiare il PMM; approvarlo o implementarlo o modificarlo (nel caso sia necessario)
Solo in questo modo, a mio avviso, vale la gioia di fare festa alla RESISTENZA!
Perché si da forza ad una Comunità, CLEMM, che poggia su Persone con animo saggio e creativo!
È un mio sogno! Ci credo!
E, chi crede, prima o poi, porta a far diventare realtà ciò che ha sognato!
Specie se, a sognare uguale, arriveremo a convincere UN Aderente CLEMM in ognuna delle vie italiane (sono, “solo”, 8.548.464).
Il resto, rimarrà solo inferno!
Maurizio Sarlo
Presidente COEMM

L'articolo Maurizio Sarlo – 25 aprile! RESISTENZA SIA! proviene da COEMM.